Quando la comunicazione non esiste

by saracalloni
Buongiorno novembre, mancano solo due mesi alla fine dell’anno e di questo nostro viaggio alla ricerca dell’assertivitá. Come ti ho promesso lo scorso mese oggi voglio parlarti del primo grande problema che distrugge i rapporti: la mancanza della comunicazione.
Che cosa vuol dire non avere comunicazione?
Beh la mancanza di comunicazione più ovvia è il SILENZIO.

Se stai in silenzio non comunicherai mai con nessuno.

Non so se nelle vostre case era presente questa frase ma nella mia spesso si sentiva dire: “A bocca chiusa non c’entra mosche”.
E questa dovrebbe essere quella frase che mi esorta a parlare di più? Che schifo io non le voglio le mosche nella mia bocca…
Infatti per molto tempo il non comunicare è stato il mio più grande problema.
Questa frase viene detta per ricordarti che se vuoi qualche cosa bisogna che tu lo chieda, altrimenti gli altri non possono indovinare quello che hai nella testa.
Beh pensandoci sembra abbastanza ovvio, chi è capace di leggere il pensiero? Beh apparte qualche mutante della Marvel credo nessuno, però molte volte siamo noi stessi a cadere in questa trappola.
Pensaci un attimo, quante volte ti sei ritrovata a dire: “Ma come mai non mi ha detto/fatto questo era ovvio che ne avevo bisogno”. Questo è uno di quelle cose che recriminano gli uomini nei confronti delle donne, quante volte avete detto SI quando volevate dire NO o viceversa? Si è ufficiale la persona che vive al mio fianco mi deve conoscere talmente bene che le parole non devono essere necessarie perchè già sa cosa penso….NOOOOOOOOOOOOO!!!

Le persone che ci circondano non sono indovine.

Devi esprimere quelli che sono i tuoi pensieri, le tue emozioni e sopratutto le tue regole per fare in modo che le persone che ti sono vicine le conoscano e sappiano qual’è il migliore dei modi per comportarsi.
Se guardiamo lo stesso problema da un’altro punto di vista nasce un’altro errore madornale, il pensare che noi stessi siamo indovine.
Quante volte ti è successo di parlare con qualcuno e non lasciargli finire la frase perchè tanto te sapevi già come andava a finire?
Mi sembra già di sentirti: “Si, Sara, però avevo ragione. E’ andata a finire proprio come mi aspettavo”. Allora mi vuoi dire che sei indovina e puoi persino prevedere il futuro?!?!?!
Bene allora perchè non sei sfacciatamente ricca, famosa e di successo in tutti gli ambiti della tua vita?
Forse perchè non conosci molto bene il funzionamento dei tuoi super poteri?!?!?!?
Beh lascia che ti dica una cosa, molte volte non prevediamo il futuro, semplicemente attiriamo lo scenario che ci immaginiamo.

Non prevedi il futuro ma attrai ciò che immagini.

Sai che il tuo cervello non vuole ammettere in nessun caso di avere torto, cerca sempre continue conferme per darti la ragione. Quindi se te immagini che quella data persona sta cercando di farti del male il tuo cervello va a cercare tutte quelle occasioni, parole o sguardi che gli danno ragione e quindi finisci per focalizzarti solo su quelle situazioni. In più c’è una legge universale spiegata dalla fisisca quantica che si chiama RISONANZA ARMONICA.
Come ci diceva Albert Einstein tutto quello che ci circonda è energia, in realtá la materia non è altro che energia che si muove con maggiore o minore velocità. Più lento è il suo movimento e più solida è la materia e al muoversi emette una vibrazione. La risonanza armonica ci spiega che le vibrazioni uguali si attraggono, mentre le vibrazioni opposte si respingono.

Vibrazioni uguali si attraggono, vibrazioni opposte si respingono.

Questo puoi dimostrarlo con un semplice sperimento, ti serve solo una chitarra accordata. Se non sai suonare la chitarra non importa, ti basta sapere che la prima corda, quella più in alto, la più grossa di tutte è un MI, la seconda corda, quella subito sotto è un LA. Se pizzichi la corda del MI vedrai che la corda del LA non si muove, però se premi il quinto tasto e in contemporanea suoni la corda del MI stai emettendo la nota LA e puoi nuotare che la seconda corda, la corda del LA inizia a vibrare insieme alla prima (per simpatia).
Quindi non hai previsto il peggiore degli scenari, lo hai attratto emettendo quella stessa vibrazione.

Ecco perchè molte volte distruggiamo un buon rapporto per la mancanza di comunicazione.

Se non hai la pazienza, l’attenzione e le orecchie ben aperte ad ascoltare quello che ti stanno comunicando cadiamo nella convinzione di essere indovini e questo ci porta, nella peggiore delle ipotesi, a sfruttare la risonanza armonica per attrarre la rottura del rapporto.
Quindi ricordati sempre che nessuno è indovino, ne tu ne io ne le persone che ci circondano, è assolutamente opportuno parlare per poter comunicare e ascoltare per poter capire quello che gli altri vogliono comunicare.
Il secondo problema fondamentale che distrugge un rapporto è la presenza di una comunicazione non assertiva, ma di questo ne parliamo il prossimo mese.

Spero che questo articolo ti sia utile, se ti è piaciuto ti chiedo di condividerlo con i tuoi amici per poter aiutare anche loro.
Grazie, grazie, grazie.
Un forte abbraccio
Sara.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Este sitio web utiliza cookies para que usted tenga la mejor experiencia de usuario. Si continúa navegando está dando su consentimiento para la aceptación de las mencionadas cookies y la aceptación de nuestra política de cookies, pinche el enlace para mayor información.plugin cookies

ACEPTAR
Aviso de cookies