COME ZITTIRE IL TUO CRITICO INTERIORE PER RAGGIUNGERE I TUOI OBIETTIVI

by saracalloni
Buongiorno e ben arrivati nel mese di marzo. Marzo è il mese in cui nasce la primavera, dove festeggiamo la festa della donna e la festa del papà. Però, forse non sai, che il suo nome deriva da Marte, il dio della guerra. Per questo mi sembra appropriato parlarti di una grande guerra che si scatena dentro di noi ogni volta che cerchiamo di raggiungere un nuovo obiettivo.
Lottiamo costantemente con il nostro critico interiore per cercare di uscire dalla nostra routine.
Ogni volta che vuoi raggiungere un obiettivo ti trovi a dover compiere nuove azioni, avere nuovi pensieri e scegliere nuove direzioni per poter raggiungere questa meta. Perché come diceva Albert Einstein:

La follia è fare sempre la stessa cosa ed aspettarsi risultati diversi

Quindi, giustamente, quando desideri nuovi risultati ti impegni a fare cose nuove.
C’è però un grande ostacolo che si trova dentro la nostra testa. Il così detto CERVELLO RETTILIANO. Il cervello rettiliano è la parte più antica che si trova nella nostra mente e è quella più istintiva che possediamo. In quella parte risiedono tutte le “istruzioni” automatiche che ci permettono di respirare, di far battere il nostro cuore, di far funzionare tutti i nostri organi. Il cervello rettiliano è anche quello che si occupa di mantenerci a salvo dagli attacchi del mondo esterno. Dobbiamo quindi essere molto grati a questa parte del nostro cervello perché ci permette di reagire in modo adeguato di fronte ad un pericolo mortale.
Infatti il cervello rettiliano, in quelle occasioni di estremo pericolo, fa partire delle reazioni chimiche che direzionano la tua energia dove più necessario per poter scappare, avere una forza bruta per attaccare o chiuderci a riccio per difenderci.
Il problema è generato dal fatto che questa parte del nostro cervello non è in grado di distinguere una minaccia di vita reale da una minaccia solamente immaginata perché reagisce alle emozioni che provi. Quindi se stai guardando un film di paura e senti quella sensazione di terrore il tuo cervello rettiliano reagirà per proteggerti la vita. Capisci bene che questo non fa affatto bene alla nostra salute perché per darti maggiore energia per reagire e sopravvivere ti toglie energia per altre funzioni molto importanti come ad esempio la digestione. Questo è il motivo per cui chi è stressato ha difficoltà a digerire e una miriade di altri effetti collaterali.

Quindi attenta alle emozioni negative che provi perché ti generano reazioni chimiche che a lungo andare di fanno ammalare.

Però oggi ho voluto parlarti di questa parte del tuo cervello per un altro motivo. Essendo questa parte del cervello incaricata di evitare il pericolo, quello che fa, con estrema efficacia oserei dire, è non farti allontanare da quello che già conosci. Quante volte avrai sentito dire, e pensato in prima persona, “meglio qui che lo conosco, anche se non ci sto benissimo, che là dove non ho nessuna idea di cosa posso trovare.” Questa è una delle frasi che dice il tuo cervello rettiliano per fare in modo che tu non ti esponga al rischio dell’incognito. Però come abbiamo detto prima quando vuoi cambiare i tuo risultati devi avventurarti a fare cose nuove.
Come ti dicevo, il cervello rettiliano, che parla con noi attraverso il critico interiore conosce molto bene le nostre paure e le utilizza contro di noi per farci creare della barriere ancora più alte in modo da farci sembrare impossibile raggiungere quell’obiettivo che ci siamo fissati ad inizio anno. Ecco perché sono solo poche le persone che raggiungono le proprie mete. Anche se fissi i tuoi obbiettivi in modo specifico, misurabile, che lo consideri raggiungibile, che ti sembrano una sfida e che abbia una data limite, poi crei il tuo piano d’azione, identifichi la tua grande motivazione, aumenti ogni giorno il tuo desiderio per raggiungerlo e ti impegni per fare le azioni necessarie, a volte succede che quella vocina interiore ti blocca.

Ecco perché è utile zittire il critico interiore per poter raggiungere i nostri obiettivi.

Beh, in realtà non bisogna silenziarlo completamente, perché in alcune situazioni è molto utile e non ti dimenticare che ti aiuta a risparmiare le tue energie per le cose importanti che devi affrontare in quel momento. La cosa importante è quindi riuscire a capire che non ha sempre ragione e che non dobbiamo dargli retta in ogni situazione solo perché è il più “anziano”.
Dobbiamo imparare a parlare con lui e capire da cosa ci vuole mettere in guardia, poi dobbiamo arrivare ad un accordo comune per poter andare verso l’ignoto prestando attenzione ad eventuali pericoli, però l’importante è non farsi paralizzare di fronte ad un possibile pericolo che per giunta non è una questione di vita o di morte come spesso vuole farci credere il nostro amico rettiliano.
In pratica dovremmo dare voce alla parte più “giovane” del nostro cervello, la NEOCORTECCIA che è quella parte del nostro cervello dove risiede il linguaggio e la abilità di risolvere i problemi.
Però attenzione perché per comunicare con la parte rettiliana abbiamo bisogno di passare dal SISTEMA LIMBICO, la parte del cervello che è la diretta evoluzione del cervello rettiliano ed è chiamato MAMMIFERO perché qui risiedono le emozioni e come dicevo prima il cervello rettiliano reagisce alle nostre emozioni.

Quindi utilizza la neocorteccia per creare la giusta emozione per dire al tuo cervello rettiliano che fare quella nuova azione è la strada giusta per raggiungere la sicurezza.

In questo modo il tuo critico interiore urlerà un po' meno forte e riuscirai a fare ogni giorno tutto il possibile per raggiungere la tua meta e, di conseguenza, realizzerai quello che desideri.
Adesso non può più dire di non sapere dove ti trovi e dove vuoi andare, perché adesso hai tutte le informazioni per ottenere la chiarezza nella tua vita.
Il prossimo mese ci occuperemo dell’autostima, perché senza autostima non ti sentirai mai abbastanza forte per poter fare tutte le azioni necessarie per implementare l’assertività nella tua vita.
Spero che questo articolo e tutti gli altri ti siano di grande aiuto, se è così ti chiedo di condividerlo con i tuoi amici per poter aiutare anche loro ad aumentare la loro chiarezza ed ad implementare, a fine anno, l’assertività nella loro vita.
Grazie, grazie grazie per il tuo aiuto.
Un forte abbraccio
Sara

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Este sitio web utiliza cookies para que usted tenga la mejor experiencia de usuario. Si continúa navegando está dando su consentimiento para la aceptación de las mencionadas cookies y la aceptación de nuestra política de cookies, pinche el enlace para mayor información.plugin cookies

ACEPTAR
Aviso de cookies